Ecco perchè ci baciamo sulla bocca

Ecco perchè ci baciamo sulla bocca

Home » Societas » Ecco perchè ci baciamo sulla bocca
1 minuto (tempo di lettura)

20684407_1556970004367974_1364406736_oll bacio è considerato, nell’immaginario collettivo, una prassi comune all’interno di una relazione di coppia, un gesto romantico e simbolo dell’attrazione tra due persone. In realtà, per la scienza, è considerato un fenomeno misterioso che manca ancora di una spiegazione accertata da un punto di vista fisiologico ed evolutivo. La filematologia è la scienza che studia le funzioni e tutti gli aspetti del bacio in una coppia. Il primo elemento in grado di sconvolgere la nostra comune concezione del bacio è dato dalla quantità numerica delle culture in cui quest’usanza è comune: analizzando 168 popolazioni provenienti da ogni parte del mondo, soltanto 46 di esse praticano il bacio come scambio di affinità o preludio di un rapporto sessuale. In sostanza, meno della metà delle culture mondiali risponde alla consuetudine comune – e, prevalentemente, occidentale – del bacio.

Secondo elemento, invece, è dato dal fatto che nel mondo animale non è un comportamento per niente diffuso, ad esclusione di pochissime eccezioni. Lo studioso Frans de Waal dell’Università Emory di Atlanta, in Georgia, studiando varie specie di scimpanzé e primati notò che alcuni di essi utilizzavano il bacio e l’abbraccio come strumento di riconciliazione, principalmente tra esemplari maschi, dopo uno scontro. Il bonobo, primate della famiglia degli ominidi, usa anche la lingua. Tuttavia, è bene precisare che non si tratta di un comportamento romantico, sebbene non sia diffuso in nessun’altra specie.

bacioIn generale, una delle funzioni del bacio si lega alla necessità degli animali, uomo incluso, di identificare l’odore del partner. Mentre gli animali riescono a sentire gli odori anche a distanze elevate, per l’uomo baciarsi rappresenta il metodo culturalmente più accettato ed efficace per captare gli odori e i feromoni del compagno, le sostanze biochimiche prodotte da ghiandole esocrine che hanno la funzione di inviare segnali ad altri individui della stessa specie.



Secondo gli studi dello scienziato Colin Hendrie, dell’Università di Leeds, un bacio può trasmettere fino a 80 milioni di batteri, tra cui il Cytomegalovirus che serve a preservare la salute di un’eventuale prole. Il bacio abbassa anche il livello di cortisolo nella saliva, dunque il livello dello stress, e passa il testosterone dall’uomo alla donna.

20663326_1556891914375783_1008594448_oIn un libro del 1872, Charles Darwin racconta il bacio descrivendone i vari tipi. Egli assurge che il bacio risponde ad un desiderio istintivo di ricevere «piacere dallo stretto contatto con una persona amata», riconoscendo nell’uomo una propensione innata a baciarsi, dunque allargandone l’accezione ad un fenomeno pressoché universale. Tuttavia, lo stesso Darwin affermò che, ampliando la riflessione ai comportamenti simili e concomitanti al bacio, esso si può relegare alla precisa cultura e all’ambiente di evoluzione di un uomo. A quest’ipotesi si rifà la gran parte degli antropologi che ritiene il baciarsi un semplice fenomeno culturale, legato a specifiche comunità. La più antica prova di un bacio è stata ritrovata in un documento indù di 3500 anni fa che parla del bacio come «inalazione dell’anima altrui».

                              Giulia Sorrentino

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Articoli di proprietà di Voci di Città, rilasciati sotto licenza Creative Commons.
Sei libero di ridistribuirli e riprodurli, citando la fonte.



Condividi il tuo punto di vista!

About Giulia Sorrentino

La più remota goccia delle sue radici è deposta in Sicilia, ma Giulia ha ottenuto la cittadinanza mondiale, riconoscendosi parte di qualunque luogo del pianeta Terra. Classe ’96, studentessa di lettere moderne, sogna di ingranare nel mondo del giornalismo dando adito alle sue più disparate curiosità. Ambiziosa e, a tratti, testarda, cova un cassetto pieno di desideri che spera di concretizzare (al più presto)!
Valuta l'articolo!
Totale: 4 Media: 5


Commenta con Facebook!

Stampa questa pagina


Tags

Ti potrebbero interessare anche: