Bufale sul web: cinque trucchi per riconoscerle

Bufale sul web: cinque trucchi per riconoscerle

Home » Entertainment » Bufale sul web: cinque trucchi per riconoscerle
1 minuto (tempo di lettura)

Le bufale sul web esistono da tempo, all’inizio sono addirittura nati veri e propri siti come Rebubblica.it, La Nozione, Il Giomale o Il Fatto Quotidaino che hanno iniziato lentamente a diffondere le notizie più incredibili, dapprima su temi più popolari, per poi arrivare fino a toccare temi di attualità che vanno dal sociale alla politica.

BufalaNel tempo questo fenomeno si è sempre più consolidato, dando vita ad una vera e propria stampa parallela da combattere con il fact checking, cioè con la pratica di buon giornalismo di verifica delle notizie. Ogni giornale ha di solito uno o più impiegati dediti a questo compito ma una parte del lavoro lo svolge il pubblico che condivide le bufale. Come difendersi quindi dalle fake news?

Pensare prima di condividere. Chi scrive bufale conta proprio sull’impulso degli utenti. Spesso i titoli gridati e enfatici causano rabbia e indignazione, sono studiati proprio per questo, per fare leva sulla pancia di chi legge.

Fare affidamento agli strumenti di controllo delle notizieEsistono veri e propri siti per controllare se la notizia sia verificata. Come ad esempio www.factcheckers.it per i testi o www.tineye.com per le immagini.



Date imprecise. A volte vengono spacciate per nuove notizie vecchie che assumono tutto un altro significato alla luce di un contesto diverso.

Attenzione alle fonti. Un altro modo di smascherare le fake news potrebbe essere quello di utilizzare siti come www.butac.it www.bufale.net per trovare fonti certe e affidabili e non siti di disinformazione. Portali come Ilfattoquotidaino.comNews24tg.com, Liberogiornale.com o la Gazzettadellasera.com non sono chiaramente testate giornalistiche, quindi occhio!

Nomi o località inventate o indeterminate. Tutti i riferimenti imprecisi tipo “Un uomo”, “pochi giorni fa”o “in un paese”, di solito appartengono al gergo delle bufale e di certo non a quello giornalistico, dove tutte le fonti e le precisazioni devono essere verificate.

Serena Borrelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Articoli di proprietà di Voci di Città, rilasciati sotto licenza Creative Commons.
Sei libero di ridistribuirli e riprodurli, citando la fonte.



Condividi il tuo punto di vista!

About Serena Borrelli

Serena è una ragazza di 24 anni, studia Comunicazione e prima o poi si augura di laurearsi, più prima che poi. Tra le medaglie al valore, la vittoria alla IX edizione del concorso letterario Il Fiorino nel 2007, l’esperienza come stagista per ArteStampa nel 2015 e l’attività di blogger dal 2016. Nella vita scrive, legge, fotografa, prova senza successo a suonare la chitarra, è volontaria nella biblioteca del paese e fa palestra.

Valuta l'articolo!
Totale: 0 Media: 0


Commenta con Facebook!

Stampa questa pagina


Tags

Ti potrebbero interessare anche: