Cannes, Monica Bellucci di nuovo madrina del Festival

Cannes, Monica Bellucci di nuovo madrina del Festival

Home » Entertainment » Cannes, Monica Bellucci di nuovo madrina del Festival

L’attrice italiana inaugurerà la cerimonia di apertura e di chiusura il 17 e il 28 maggio della 70 esima edizione del Festival del Cinema di Cannes, la cui giuria sarà guidata dal regista Pedro Almodovar.

Cannes-Film-Festival-2014-Monica-Bellucci-abito-DolceGabbana-scarpe-Christian-Louboutin-orecchini-DolceGabbana Monica Bellucci è diventata ormai una veterana del festival: nel 2000 l’attrice ha presentato Suspicion di Steven Hopkins. Due anni dopo si è trovata nel mirino di una polemica indimenticabile per una pellicola piuttosto osé: Irreversible, diretta da Gaspar Noè. Successivamente, è entrata a far parte della giuria guidata da Wong Kar Wai per poi far parte, qualche anno più tardi, del set del film Sanguepazzo di Marco Tullio Giordana nel 2008. L’anno successivo è apparsa in Non ti Voltare, thriller psicologico diretto da Marina De Van, e infine, nel 2014, in Le meraviglie di Alice Rohrwacher, che è riuscito a conquistare il Grand Prix de la jurie.

Quella di Monica è una carriera cinematografica piena di successi dovuta non solo alla sua innegabile bellezza, ma anche al suo incredibile talento e alla grande versatilità nell’interpretare sia ruoli di commedia che ruoli drammatici con molta espressività. L’attrice umbra, 52 primavere nella carta d’identità e quasi trent’anni di carriera alle spalle, ha esordito con Vita da figli di Dino Risi, una miniserie degli anni ’90 e si è rivolta a molti grandi registi di fama internazionale: Francis Ford Coppola, Mel Gibson, Giuseppe Tornatore, Larry e Andy Wachowski, Spike Lee, Terry Gilliam, Sam Mendes, Paolo Virzì, Daniele Thompson e Emir Kustutica.



bellucci-645Oggi, la Bellucci divenuta di nuovo madrina del Festival di Cannes, ha raccontato in un’intervista rilasciata a Dagospia di come vive l’amore, la sessualità e le sue relazioni passate. «Quando sono presenti dei figli in un rapporto – ha rivelato l’attrice – devi sempre fare in modo che ci sia del rispetto perché è proprio questo che mantiene viva una relazione. Però posso dire che mi sto dedicando alla mia intimità di donna. C’è una pellicola che parla di questo ed è quella di Gaspar Noè, con cui ho già collaborato per Irreversible, che posso definire un film pornografico che racconta dell’amore e della difficoltà di gestire i sentimenti che si provano per una persona e le pulsioni sessuali che vengono provocate dagli altri. Il piacere sessuale può portare a dei desideri che alcune volte sono contraddittori con l’amore per un’altra persona e che spesso non coincidono con il rispetto. E’ piuttosto difficile mettere insieme tutto questo e lo dico da donna che è stata sia carnefice che vittima di tradimenti, che ha amato ed è stata amata e che è stata utilizzata in passato come un premio. Insomma, penso proprio che sia un grande problema governare il cuore e sessualità».

Katia Di Luna

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Articoli di proprietà di Voci di Città, rilasciati sotto licenza Creative Commons.
Sei libero di ridistribuirli e riprodurli, citando la fonte.



Katia Di Luna

About Katia Di Luna

Nasce a Bologna nel 1993 con la passione per la scrittura (si dice che sia nata con la penna in mano), ha tantissimi interessi, ad esempio la musica di tutti i generi possibili e immaginabili, la moda, il cinema e molto altro ancora. Ama viaggiare! Prenotatele un volo anche domani e sarà felice. Perito aziendale in Lingue estere, ha deciso di prendere una strada diversa iscrivendosi a Scienze della Comunicazione. Il suo sogno è diventare un’affermata giornalista e cogliere al volo l’opportunità di “bazzicare” in Voci di Città per dare libero sfogo alla sua passione la rende già più chic.


Commenta con Facebook!

Stampa questa pagina


Tags

Ti potrebbero interessare anche:

sgroi