Europa: scontro totale sul tema immigrazione

Europa: scontro totale sul tema immigrazione

Home » Attualità » Europa: scontro totale sul tema immigrazione
1 minuto (tempo di lettura)

Si infiammano i toni del dibattito in Europa su un tema caldissimo come quello dell’immigrazione, sul quale mai come in questi tempi si registrano profonde spaccature e visioni differenti. A poco servono gesti distensivi e a suo modo simbolici come quello della piccola Repubblica estone, di turno alla presidenza dell’Unione a partire dal 1° luglio, che ha deciso di sbloccare 1 milione di euro per aiutare il nostro Paese a gestire l’afflusso di migranti provenienti dalle coste libiche, se dall’altra parte vi sono i governi di Francia e Spagna che si dicono contrari all’idea di permettere alle persone soccorse in acque mediterranee di approdare nei loro porti. Poi c’è addirittura chi si dice pronto ad alzare barricate, e con esse il livello dello scontro politico, con tutto ciò che comporta a livello diplomatico.

Sebastian Kurz, ministro degli Esteri austriaco

Sebastian Kurz, ministro degli Esteri austriaco

Brennero, storico collegamento tra l’Europa settentrionale e meridionale tanto caro alla popolazione altoatesina di idioma tedesco. La sottile linea che divide Italia e Austria è diventato terreno di scontro fertile su cui adesso si gioca la delicata “partita” sui migranti. Controlli rafforzati alle frontiere ritenuti «necessari» da parte del capo della diplomazia di Vienna Sebastian Kurz, giovane leader dell’Ovp, protagonista in Austria dell’ennesima svolta a destra caratterizzata da strette sull’immigrazione e rinegoziazione degli accordi presi a suo tempo con l’Unione Europea nel tentativo di intercettare il voto di protesta in vista delle elezioni del 15 ottobre prossimo, anticipate a causa della rottura della grande coalizione che era sorta in Parlamento tra popolari e socialdemocratici.



Quattro mezzi corazzati Pandur, in dotazione alle Forze armate austriache, prendono la strada del Brennero per rafforzare i controlli sul territorio, poi arriva il dietrofront. Qui nell’ultimo periodo, riferisce il direttore della Polizia tirolese Tomac, sono aumentati i tentativi d’ingresso dall’Italia. Controlli alle frontiere estesi anche a Sillian, in prossimità della Val Pusteria, e Nauders, a pochi chilometri da passo Resia. Un messaggio forte e chiaro lanciato all’indirizzo di Bruxelles, affinché il soccorso nel Mar Mediterraneo non diventi un ticket gratuito per entrare in Europa, tuonano le voci contrarie all’accoglienza.

Gabriele Mirabella

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Articoli di proprietà di Voci di Città, rilasciati sotto licenza Creative Commons.
Sei libero di ridistribuirli e riprodurli, citando la fonte.



Condividi il tuo punto di vista!
Gabriele Mirabella

About Gabriele Mirabella

Classe ’92, calcio e giornalismo (e la buona tavola) sono il suo “pane quotidiano”. Tra le fantasie più recondite, quello di comparire tra le figurine Panini, pur non avendo mai giocato in Serie A. Ogni tanto si diletta con telecronache improvvisate di match inesistenti, tuttavia gli amici vorrebbero che sostituisse Beppe Bergomi a FIFA. Il suo sogno nel cassetto? Commentare una finale dei Mondiali.

Valuta l'articolo!
Totale: 1 Media: 1


Commenta con Facebook!

Stampa questa pagina


Tags

Ti potrebbero interessare anche: