La Polizia inglese potrà disattivare gli smartphone a distanza. Ma di chi?

La Polizia inglese potrà disattivare gli smartphone a distanza. Ma di chi?

Home » Attualità » La Polizia inglese potrà disattivare gli smartphone a distanza. Ma di chi?
1 minuto (tempo di lettura)

Attraverso i dispositivi tecnologici è ormai possibile far tutto. Sembra non esserci campo dello scibile umano a cui non sia consentito applicarvi, difatti, la tecnologia. E pare che anche le Forze dell’ordine di tutto il mondo si stiano dotando delle più moderne attrezzature, mediante cui combattere il crimine. A tal proposito, la Polizia inglese, in seguito all’approvazione del Digital Economy Act, adesso potrà eventualmente bloccare, a distanza, i cellulari di persone sospettate di spaccio di droga. Ovviamente, nonostante la legge sia ufficialmente entrata in vigore, ancora la Madama non ha quest’autorità poiché si attende l’insediamento del nuovo Governo, che avverrà nei prossimi mesi. Tuttavia, l’attivazione di queste disposizioni spetterà al Segretario di Stato, il quale dovrà redigere dei disciplinamenti che dovranno essere convalidati, infine, dal Parlamento.



Polizia e cellulariIn ogni caso, la Polizia non potrà, autonomamente, effettuare la disattivazione dei dispositivi, ma dovrà attendere sempre il direttore, o vice direttore, generale della National Crime Agency o un superiore della Polizia, che faccia domanda a un giudice il quale, a sua volta, invierà la richiesta a un provider di telecomunicazioni. Secondo le autorità, nel mirino vi sono coloro accusati di traffico di stupefacenti per mezzo di bambini e adulti (entrambi utilizzati come corrieri), servendosi anche di particolari numeri di telefono. Il decreto in questione, sarebbe stato varato proprio per colpire alla radice pusher e collaboratori vari. Nondimeno, c’è chi si dice preoccupato che possano incorrere in questo provvedimento anche persone le quali, per quanto sospettate, non hanno ancora compiuto alcun crimine. Attenzione, quindi, a ciò che si fa col proprio smartphone, poiché, sì, è vero, possiamo fare tutto, ma essendo controllati dal “big brother” weberiano, rischiamo anche grattacapi molto peggiori, sebbene innocenti.

Anastasia Gambera

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Articoli di proprietà di Voci di Città, rilasciati sotto licenza Creative Commons.
Sei libero di ridistribuirli e riprodurli, citando la fonte.



Condividi il tuo punto di vista!
Anastasia Gambera

About Anastasia Gambera

Anastasia è una studentessa in Scienze e Lingue per la Comunicazione, ama la musica degli anni 70’, 80’ e 90’; possiede, infatti, un repertorio mentale senza eguali. Innamorata pazzamente del suo ragazzo, sassofonista e con la passione per la scrittura, vorrebbe diventare una giornalista, una calciatrice e, forse, anche una mamma spericolata.

Valuta l'articolo!
Totale: 0 Media: 0


Commenta con Facebook!

Stampa questa pagina


Tags

Ti potrebbero interessare anche: