Blue Whale Challenge: verità o c’è qualcosa di falso dietro tutto questo?

Blue Whale Challenge: verità o c’è qualcosa di falso dietro tutto questo?

Home » Attualità » Blue Whale Challenge: verità o c’è qualcosa di falso dietro tutto questo?
4 minuti (tempo di lettura)

Domenica sera, è andato in onda su Italia Uno un servizio curato dal programma Le Iene e condotto da Matteo Viviani, riguardante una “competizione” (se così può essere definita) tanto pericolosa quanto sconvolgente: la Blue Whale Challenge. Tutto quel che è stato riportato durante i 30 minuti corrisponde davvero alla realtà o è solo una visione parziale o distorta di tutta la vicenda? Tutti le notizie che da giorni pullulano nei vari social network sono false o hanno (almeno) un fondo di verità?

blue-whale-gameIl Blue Whale altro non è che un gioco macabro, nato in Russia e che coinvolge centinaia di adolescenti e bambini. Secondo quanto riportato da diversi media europei e italiani, i giovani vengono contattati su un gruppo del social network VKontakte (il Facebook dell’est) per poi essere convinti a sfidare le leggi della natura per 50 giorni consecutivi, compiendo atti di autolesionismo assoluto, fino al momento del suicidio finale. Ma niente è lasciato al caso, anzi, esistono delle regole ben precise per entrare a far parte di questa “comunità del suicidio” e ognuno di questa dimostra la follia del “gioco” stesso: per ogni sfida compiuta, infatti, i ragazzi dovranno inviare una foto all’amministratore della comunità per dimostrare di aver concluso la missione e, raggiunti i 50 giorni, dovranno saltare nel vuoto dall’edificio più alto della città ovviamente fotografandosi o filmandosi mentre si è in procinto di compiere il gesto sconsiderato.

Per ogni giorno vi è una sfida ben precisa da accettare e realizzare, sfide che cominciano a diventare terribili di giorno in giorno, fino, ovviamente, all’atto finale. Ve ne riporteremo solo alcune, affinché possiate comprendere i contorni di questa sfida: giorno 1: incidetevi sulla mano con il rasoio “f57” e inviate una foto al curatore; giorno 2: alzatevi alle 4.20 del mattino e guardate video psichedelici e dell’orrore che il curatore vi invia direttamente; giorno 15 Passate un ago sulla vostra mano più volte; giorno 17: alzatevi alle 4.20 del mattino e guardate video psichedelici e dell’orrore che il curatore vi invia direttamente; infine il 50esimo giorno: saltate da un edificio alto. Prendetevi la vostra vita.

Ad oggi si contano 157 casi di suicidio avvenuti in Russia, tutti con la stessa modalità, con tanto di filmati caricati sui social network a testimonianza della fedeltà al gruppo. La prima vittima di questo gioco perverso è stata la teenager russa Rina Palenkova, il cui scatto prima di morire ha fatto il giro del mondo, diventando un simbolo. Ma anche Veronika e Yulia, rispettivamente di 16 e 15 anni, si sono buttate da un grattacielo di Ust-Ilimsk, dopo aver pubblicato sui social l’immagine di una balena blu. Caso dopo caso sono partite varie indagini e il primo arrestato è stato il 21enne Philipp Budeikin, studente di Psicologia che (non pentitosi del fatto) avrebbe spinto circa 16 adolescenti al suicidio, dopo averli contatti sul già citato VK ed esserne diventato il loro curatore.

snopes-logoSul caso, però, ci sono molte ombre, come riportato da Snopes (sito web specializzando in fact-checking). Viene ampliamente analizzato, infatti, come la maggior parte delle testate abbia riportato la notizia senza alcun tipo di verifica attendibile. Indagando sul web, si può facilmente constatare che, nonostante il Blue Whale sia frequentemente citato, non esista un reale metodo di iscrizione al gruppo, restando qualcosa di ipotetico. Radio Free Europe, un’emittente finanziata dagli Stati Uniti che si occupa di questioni riguardanti la città di Mosca, rivela in un’inchiesta che nessuno degli oltre cento suicidi registrati tra il novembre del 2015 e l’aprile del 2016 sia mai stato direttamente collegato al Blue whale. RFE insinua che la grande enfasi mediatica sul caso sia strumentale: «I politici vedono in questo fenomeno un grimaldello per affermare la necessità di controllare maggiormente il web. Lo scorso 16 febbraio in un’audizione alla Camera civica – fa notare – è stato affermato che il Blue Whale potrebbe essere stato creato dai nazionalisti ucraini e che ha contagiato almeno due milioni di giovani russi». Lo stesso Philipp Budeikin, ha ammesso di aver creato un semplice strumento di marketing, per guadagnare attraverso la viralità della notizia. Flip Lis (questo il suo nickname)  «Voleva solo sfruttare la storia di Rina Palenkova per aumentare il numero degli iscritti alla sua pagina e accrescere i profitti derivanti dalla pubblicità. – ha raccontato uno degli amministratori della pagina – Vendeva online le foto della ragazza e la sua corrispondenza proprio per accrescere la popolarità del suo gruppo».



Leggenda metropolitana, speculazione o verità? Quello che conosciamo con certezza è che una testata russa, la Novaya Gazeta russa, senza alcuna prova, ha raccontato di questo gioco mortale che si è diffuso tra i ragazzi, scatenando una tempesta mediatica. In un anno e mezzo la storia ha continuato a non trovare conferme (ovvero tentati/riusciti suicidi che siano collegati al gioco), ma neppure smentite. Se leggiamo i tanti articoli scritti in proposito notiamo tanto allarmismo ma pochissima affidabilità delle testimonianze. Ogni anno in Russia si uccidono 1700 ragazzi tra i 15 e i 19 anni. Nel 2012, prima che il Blue Whale nascesse, 990 adolescenti russi si sono suicidati. Questa è chiaramente un’emergenza per la quale è necessario compiere studi e approfondimenti, ma di fatto, non esistono prove certificate che colleghino la morte di molti di questi ragazzi al Blue Whale, anche se, alcuni video presenti in alcuni social non possono negare il fatto che una parte di queste morti sia strettamente collegata a questa challenge.

Le-IeneNel servizio de Le Iene, vengono intervistate i genitori di alcune delle vittime di questo gioco. Questi, visibilmente distrutti, raccontano di quanto i loro figli fossero ragazzi spensierati e felici, e poi, come se fossero stati stregati, avessero radicalmente scelto di cambiare vita, arrivando fino al suicidio. Tutto questo dovrebbe far riflettere, è davvero possibile che una pagina su un social network creata da un ragazzo di 21 anni possa aver manipolato così tanto le menti di altri adolescenti, oppure, questi ragazzi presentavano già delle problematiche psicologiche che non sono state volutamente raccontante per creare l’effetto “dramma” tanto ricercato dai media?

Con questo non si vuole negare l’esistenza di questa pratica assurda, ma limitarne la portata. Testate giornalistiche, social network e recentemente anche programmi televisivi, hanno trasmesso un messaggio potenzialmente molto pericoloso. È sacrosanto raccontare queste realtà, ma bisognerebbe farlo in modo più dettagliato, presentando entrambi i lati della medaglia. In questo modo si rischia di diffondere una notizia in modo distorto, e magari, giovani ragazzi con qualche debolezza in più, potrebbero scegliere di seguire la cresta dell’onda per ottenere un po’ di popolarità, rischiando la vita e compiendo atti estremi.

Sara Forni

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Articoli di proprietà di Voci di Città, rilasciati sotto licenza Creative Commons.
Sei libero di ridistribuirli e riprodurli, citando la fonte.



Condividi il tuo punto di vista!
Sara Forni

About Sara Forni

Sara, classe ‘95, nasce in provincia di Bologna. Quando gli altri bambini a scuola sognavano di fare gli astronauti, lei ripeteva sempre che avrebbe voluto diventare una giornalista. Un po’ paladina della giustizia, un po’ incuriosita da tutto ciò che le accade vicino, non riesce mai a stare in silenzio. Il suo motto: «L’ironia salverà il mondo!»

Valuta l'articolo!
Totale: 0 Media: 0


Commenta con Facebook!

Stampa questa pagina


Tags

Ti potrebbero interessare anche: